Le fave, un alleato contro le anemie

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestDigg thisShare on StumbleUponShare on RedditBuffer this pageFlattr the author

Alimento versatile in cucina e ricco di salutari proprietà

Le fave appartengono alla famiglia delle Leguminacee, hanno origini nei paesi asiatici e accompagnano da sempre, sulle nostre tavole, l’arrivo della primavera. Vengono seminate nei mesi invernali, crescono all’interno di baccelli e possono essere di colori diversi: verde, viola o rosso a seconda delle varietà. La Germania, l’Italia e la Grecia sono tra i maggiori produttori. Si trovano in commercio sia fresche, perfette da mangiare con formaggi o pane, che secche, ottime nelle zuppe e minestroni.

Sia cotte che crude, le fave contengono molti nutrienti: sono composte all’80% da acqua, al 51% da carboidrati, al 40% da proteine e per il resto da fibre e ceneri. Sono ricche anche in sali minerali come il calcio, il fosforo, il sodio, il potassio, il magnesio, lo zinco, il selenio e soprattutto il ferro. Infatti sono ottime per curare le anemie, grazie anche al considerevole contenuto di vitamina C, utile a rafforzare il sistema immunitario e importantissimo elemento che permette al ferro (presente nelle fave stesse) di essere completamente assorbito dall’organismo. Questo le rende un ottimo aiuto contro le anemie ma, nello stesso tempo, anche un pericolo per la salute di chi soffre di favismo, una forma di anemia dovuta ad un deficit genetico dell’enzima glucosio-6-deidrogenasi che serve a proteggere i globuli rossi dallo stress ossidativo. La vitamina C presente non è la sola ad essere contenuta in questo alimento, ricco anche di vitamina B1, B2, B3, B5 e B6.

Nelle fave ci sono molte proteine vegetali quali l’acido aspartico, glutammico, l’alanina, l’arginina, la tirosina, la treonina, il triptofano e la valina. In quelle fresche è presente anche un aminoacido chiamato L-Dopa, efficace nel concentrare dopamina nel cervello; la stessa sostanza (L-Dopa) è presente in alcuni farmaci efficaci contro il morbo di Parkinson. Inoltre questi legumi sono ricchissimi di fibre e per questo favoriscono l’attività intestinale con effetti depurativi per l’organismo, ma anche energizzanti e tonificanti.

 
 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

© 2017 Sara Farnetti - tutti i diritti riservati