Pesce al sale

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestDigg thisShare on StumbleUponShare on RedditBuffer this pageFlattr the author

ECCO COSA FARE:

Il pesce, eviscerato ma non desquamato per evitare che il sale aderisca alla superficie esterna, si adagia in una teglia su uno strato di sale grosso, che verrà aggiunto fino a ricoprirlo del tutto. Si fa cuocere in forno a 180-200 C° per 25-40 minuti, a seconda della sua grandezza (un’ora circa per chilogrammo di pesce). Il sale, che forma una crosta, ha la funzione di impedire la perdita di importanti quote di nutrienti.

Inoltre, questa modalità di cottura rende il pesce più digeribile rispetto a quello al cartoccio, in quanto la crosta di sale attenua l’esposizione diretta dell’alimento al calore e la quota proteica e lipidica del pesce non subisce significative alterazioni. Il pesce al sale viene proposto e consumato senza nessun condimento. In casi particolari potrà essere indicata l’aggiunta di olio extravergine d’oliva a filo, un ciuffo di prezzemolo tritato e/o qualche goccia di limone.

 

Per saperne di più non perdete gli articoli sulle modalità di cottura degli alimenti  e su come scegliere le stoviglie migliori

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

© 2019 Sara Farnetti - tutti i diritti riservati - Privacy Policy