5 regole per risvegliare l’organismo

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestDigg thisShare on StumbleUponShare on RedditBuffer this pageFlattr the author

L’inverno sta per terminare e per risvegliarci dal letargo invernale e prepararci alla “remise en forme” impariamo ad associare gli alimenti in modo giusto, così da guadagnare salute oltre a vederci sempre più in forma.

In primavera dobbiamo risvegliare i nostri organi, rivitalizzare l’organismo e non sovraccaricarlo per evitare spossatezza, malumore, apatia, astenia, disturbi gastrointestinali e digestivi e insonnia.

Ecco 5 regole per prendervi cura dei vostri organi e ridar loro energia, usando gli alimenti in modo funzionale:

1. evita tutto ciò che è preparato con grassi vegetali di derivazione sconosciuta e indubbia qualità, quindi cracker, grissini, biscotti,
snack dolci; utilizza solo olio extravergine di oliva, a crudo e in cottura;

2. conta gli zuccheri: pane, pasta, riso, patate, pizza, legumi contengono zuccheri, evitiamo di associarli nello stesso pasto, così la glicemia si manterrà nella norma e rispetteremo il pancreas, l’organo che produce insulina, l’ormone che fa ingrassare;

3. verdure crude a volontà e di stagione! Il carciofo a carnevale, il finocchio a natale, il cetriolo d’estate: sono cibi ricchi di acqua di vegetazione, aiutano i reni a funzionare bene e ad eliminare le tossine, forniscono antiossidanti che combattono i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento delle cellule, dell’ossidazione del colesterolo e di alcune malattie croniche;

4. utilizzare troppi grassi animali rallenta il fegato: evitiamo di cuocere il burro, di aggiungere ovunque formaggi, di consumare pasti complessi mescolando grassi, carne e pesce, fritti industriali; il primo a reclamare sarà il nostro fegato: compare il mal di testa, il gonfiore e la sonnolenza dopo il pasto;

5. occhio alle preparazioni! Bollire a lungo impoverisce i cibi e distrugge le sostanze, che si alterano con il calore (ad esempio la vitamina C) mentre si perdono i minerali; alla griglia evitiamo di bruciare la bistecca o tostare troppo il pane; cucinare e con dire con olio caldo si può, a patto che si utilizzi solo olio extravergine di oliva, che l’olio non fumi e che l’alimento non cuocia troppo fino a diventare dorato; evitare di aggiungere troppo sale e di utilizzare cibi precotti, così il rene e il fegato saranno sostenuti e agevolati nel lavoro di depurazione dell’organismo, il colesterolo si manterrà nella norma e la digestione sarà più veloce.

 
 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

© 2017 Sara Farnetti - tutti i diritti riservati